Attuazione di quanto previsto dall’articolo 250 del D.Lgs. 152/06 in tema di risanamento dei siti con contaminazioni storiche o laddove non sia identificabile il soggetto che abbia causato la contaminazione (cosiddetti siti “orfani”), anche con la creazione di procedure specifiche per il completamento delle indagini per la sua identificazione.